Worklife Balance: più della metà degli italiani a favore della settimana corta

15 novembre, 2022

  • Il 56% degli italiani vorrebbe la settimana lavorativa da 4 giorni
  • Il 35% accetterebbe una riduzione della retribuzione se ciò significasse migliorare il proprio equilibrio tra lavoro e vita privata
  • A fronte di una maggiore flessibilità di orario, il 26% accetterebbe una riduzione media dello stipendio di circa il 10% a parità di ore settimanali lavorate

Milano, 15 novembre 2022 - La settimana lavorativa di 4 giorni è un tema sempre più dibattuto in maniera bilaterale da lavoratori e organizzazioni. Tra gli ultimi a proporla, Intesa Sanpaolo, uno dei principali gruppi bancari del paese. Sebbene in Italia sia un benefit che riguarda solo il 5,9% delle persone, stanno nascendo progetti pilota e proposte dettati anche dalla necessità di ridurre i costi energetici, oltre che dalla richiesta delle persone di un maggiore equilibrio tra vita privata e lavorativa.

Ad analizzare questa tendenza è stato l’ADP Research Institute all’interno del proprio studio People at Work 2022: A Global Workforce View . ADP è un multinazionale americana leader nell’human capital management e presente in Italia tramite ADP Italia. L’indagine si è svolta su circa 33.000 lavoratori in 17 paesi, di cui circa 2000 in Italia.

Dallo studio risulta che il 56% degli italiani intervistati sarebbe disposto a passare alla settimana lavorativa da 4 giorni, portando a 10 ore l’impegno di lavoro giornaliero , così da ottenere un maggiore equilibrio tra vita privata e professionale.

Al contempo, il 35% sarebbe disposto a ridursi lo stipendio pur di ottenere un maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata . Mentre il 26% degli intervistati accetterebbe una riduzione media del 9,9% dello stipendio se questa garantisse loro la flessibilità di decidere come strutturare le ore lavorative, anche senza una riduzione dell'orario di lavoro settimanale.

La settimana lavorativa di 4 giorni è tra gli argomenti di discussione più interessanti del momento: il dibattito è attivo a livello mondiale, dove sono diversi i Paesi che si stanno muovendo per introdurla, ma anche in Italia ci sono varie proposte che stanno nascendo, spinte dall’iniziativa del settore privato ”, ha affermato Marcela Uribe, General Manager ADP Southern Europe. “ L’equilibrio tra vita privata e vita lavorativa è una delle questioni che più sta influenzando il mondo del lavoro in questi anni: la pandemia ha fatto sorgere tra i lavoratori nuove esigenze, che le imprese devono prendere in considerazione e integrare nella propria strategia di reclutamento e gestione dei dipendenti, se non vogliono essere penalizzate in termini di attrattività verso i nuovi talenti e risorse ”.

Non stupisce, infatti, che tra i fattori principali che contribuiscono maggiormente nella scelta di un posto di lavoro, il 48% degli italiani abbia indicato il worklife balance, che si posiziona al secondo posto dopo solamente la remunerazione economica (68%). Si tratta di un criterio che riguarda più donne (52%) che uomini (44%), ma comunque trasversale a tutte le generazioni e che, anzi, aumenta con l’avanzare dell’età lavorativa. Inoltre, è una necessità particolarmente sentita da quelle categorie di lavoratori che non hanno accesso al lavoro da remoto (52% vs 44% di chi fa uso di smart working) e che, quindi, desiderano poter usufruire di forme alternative di flessibilità lavorativa.

Per le aziende, dunque, la flessibilità – di orario e/o di luogo – potrebbe avere un ruolo cruciale nel prossimo futuro per garantire il livello di equilibrio tra lavoro e vita privata desiderato dai dipendenti, specie se collegata all’attuale gap tra domanda ed offerta di lavoro. A tendere, infatti, le risorse migliori potrebbero scegliere di andare verso quelle aziende che offriranno loro condizioni lavorative più vicine alle proprie esigenze. Basti pensare che il 45% degli italiani intervistati prenderebbe o ha preso in considerazione l'idea di cercare un altro lavoro se il loro datore di lavoro insistesse sul ritorno in ufficio a tempo pieno.

 

“I lavoratori riflettono molto più di prima su ciò che desiderano dal lavoro e dalla vita” , continua Marcela Uribe. “Le aziende farebbero bene a non ignorarli. Ovviamente non sarà possibile accettare tutte le richieste o soddisfare tutti i lavoratori, ma capire i punti di vista globali della forza lavoro consentirà loro di attrarre e fidelizzare i talenti ed elaborare piani per il futuro. I reparti delle risorse umane svolgono l'importante ruolo di mediare tra le parti, aiutando ad allineare necessità e aspirazioni. Data la posta in gioco, non sarà certo un compito facile, ma chi riuscirà a portarlo a termine riceverà in cambio una forza lavoro più stabile, impegnata e produttiva”.

***

ADP in Italia

ADP, leader riconosciuto a livello mondiale in ambito HCM, in Italia si propone quale partner di aziende di ogni settore e dimensione, con un’offerta completa di Servizi di HR Outsourcing e Soluzioni per l’Amministrazione del Personale e gestione dei processi di Organizzazione e Sviluppo.

Le Business Unit dedicate garantiscono la massima attenzione a ogni cliente, basandosi su eccellenti professionalità e consolidata esperienza. Il forte orientamento all’innovazione rende ADP il partner ideale delle aziende che vogliono concentrarsi sul loro Core Business delegando in sicurezza la gestione dei loro dipendenti. Più di 1.100 clienti si avvalgono delle soluzioni offerte da ADP che è presente a Milano, Torino, Roma e Bari e conta su un team di 700 dipendenti.

Per maggiori informazioni visita www.it-adp.com o seguici su Twitter @ADP_it

Ufficio Stampa

Sec Spa

Francesca Brambilla, brambilla@secrp.com – 3386272146

Michele Bon, bon@secrp.com

Federico Alessandro Padovani

Senior Field Marketing Manager

federico-alessandro.padovani@adp.com Tel: 348 6134125