People at Work 2022: A Global Workforce View

Scopri i concetti chiave per rimanere competitivi e motivare i dipendenti

Cosa vogliono i dipendenti e come può rispondere la tua azienda?

Ora che le imprese cominciano a riprendersi dalla pandemia di Covid-19, tra il 1° e il 24 novembre 2021 il Research Institute® di ADP ha condotto un sondaggio online che ha coinvolto 32.924 dipendenti in 17 Paesi. Oltre 8.685 dei dipendenti intervistati lavorano esclusivamente nella gig economy.

Lo studio aveva due finalità: sondare lo stato d'animo della forza lavoro e fornire alle aziende i mezzi per diventare più competitive con imprenditori più lungimiranti e resilienti.

Sono emersi i seguenti temi chiave:

Soddisfazione professionale

Nove dipendenti su dieci (90%) sono soddisfatti del loro attuale lavoro, anche se il 41% si dichiara solamente "abbastanza soddisfatto". Ben l'88% si dichiara ottimista nei confronti del lavoro, anche se la percentuale è scesa rispetto a prima della pandemia.

Retribuzione e benefit

La retribuzione è la priorità assoluta, tanto che il 65% desidera lavorare di più e ricevere un salario maggiore. Tuttavia, i dipendenti accettano comunque ore di straordinario non retribuite pari a oltre una giornata lavorativa (8,5 ore) alla settimana.

Salute mentale

Lo stress sul lavoro ha raggiunto livelli preoccupanti: il 67% ne è vittima almeno una volta alla settimana, il 62% in più rispetto a prima della pandemia. Una persona su sette (15%) si sente stressata ogni giorno e il 53% ritiene che questo abbia delle conseguenze sulle proprie prestazioni.

Evoluzione del mondo del lavoro

Uno degli aspetti di cui si preoccupano maggiormente sono il benessere personale e la vita privata: sono emersi il desiderio di condizioni lavorative migliori, di una maggiore flessibilità, di lavorare in smart working e di una cultura professionale più equa.

Scarica il report

In che modo i datori di lavoro possono orientarsi in un mondo del lavoro in evoluzione

Il sondaggio ha rivelato che il lavoro non verte più solamente su aspetti come retribuzione, benefit finanziari e altri vantaggi. Per promuovere la soddisfazione e la sicurezza tra il personale, le aziende devono tenere in considerazione i seguenti aspetti:

  • Retribuzione e progressione
  • Equilibrio tra lavoro e vita privata
  • Benessere e famiglia
  • Valori aziendali

Oggi la posta in gioco è più alta perché le nuove modalità di lavoro emerse negli ultimi due anni hanno scatenato un ribaltamento delle priorità. I dipendenti sono disposti a licenziarsi se i datori di lavoro non soddisfano i loro standard su una serie di questioni, dalla flessibilità dell'orario di lavoro alle politiche di diversità, equità e inclusione (DEI). Lo studio ha evidenziato che due terzi (64%) dei dipendenti prenderebbero in considerazione l'ipotesi di cercare un nuovo lavoro se fossero costretti a tornare in ufficio a tempo pieno.

Cosa possono fare i datori di lavoro

I datori di lavoro dovranno:

  • porre le domande giuste per capire meglio i dipendenti;
  • capire in che modo è cambiata la mentalità predominante;
  • regolare il loro approccio di conseguenza.

Probabilmente i datori di lavoro dovranno prendere decisioni coraggiose e sfidare alcuni preconcetti, come hanno sicuramente già fatto molte aziende negli ultimi due anni.

Scarica il report

Rivalutare il lavoro

La sicurezza lavorativa si è dimostrata effimera negli ultimi anni, durante i quali moltissimi dipendenti hanno perso il lavoro o sono entrati in cassa integrazione. Di conseguenza, è stato necessario rivalutare la natura della sicurezza lavorativa per i dipendenti. È sempre più chiaro che i lavoratori desiderano di più dai datori di lavoro, molti, ad esempio, vogliono lavorare per aziende con una cultura e valori allineati con i loro. Attualmente, il senso di sicurezza lavorativa comprende la gamma completa e sempre più variegata di benefit che i datori di lavoro offrono (o no) a livello personale e aziendale. Questo ha enormi implicazioni sull'assunzione e sulla fidelizzazione, soprattutto quando i datori di lavoro devono attrarre pool di talenti a distanza provenienti da un'area geografica più ampia.

Analizziamo meglio la situazione:

Diminuzione della sicurezza lavorativa

Oltre metà dei lavoratori (54%) afferma che la sicurezza lavorativa è importante, ma solo un quarto degli intervistati (25%) pensa che il suo lavoro o settore sia sicuro. Nel 2021, erano oltre un terzo (36%).

Cambio di lavoro

La vasta maggioranza dei dipendenti (71%) afferma di aver preso in considerazione di cambiare drasticamente lavoro negli ultimi 12 mesi. Nel frattempo, il 23% sta attivamente cercando un altro lavoro.

Evoluzione del mondo del lavoro

Se da una parte il 21% sta pensando di optare per il lavoro autonomo, il 20% desidera prendersi una pausa temporanea o lavorare part-time (19%). Complessivamente, il 52% ha pensato di trasferirsi in un'altra città del Paese di residenza.

Una visione più olistica del lavoro

Circa un terzo dei dipendenti ritiene importante avere un orario flessibile o fare un lavoro che li soddisfi (rispettivamente il 33% e il 32%). Per quasi un quarto (23%), l'avanzamento di carriera è una priorità.

Equilibrio tra lavoro e vita privata

Due terzi (65%) vorrebbero lavorare di più per una retribuzione maggiore. Sette su dieci (71%) desiderano avere un orario più flessibile, come una settimana lavorativa di quattro giorni, e circa la metà (52%) accetterebbe un salario più basso in cambio di una garanzia di flessibilità.

Diversità, equità e inclusione (DEI)

Attualmente, il successo o il fallimento di un'azienda è decretato dalla sua politica di DEI. Quasi sei dipendenti su dieci (59%) ritengono che il loro datore di lavoro abbia implementato una politica contro il divario retributivo di genere e si ritiene che il 57% delle aziende abbia una politica di diversità e inclusione.

Scarica il report

Perché è importante ascoltare: lo spreco di talenti

Circa un terzo dei datori di lavoro (32%) sostiene l'importanza delle politiche di DEI, ma o non ne ha mai implementato una o non ne parla mai (34%). I datori di lavoro rischiano di incorrere in uno svantaggio competitivo se non riescono ad attrarre i migliori candidati dal pool più ampio possibile.

Le imprese possono avere difficoltà a trattenere e fidelizzare donne altamente qualificate o con un alto livello di competenze, o lavoratori di diverse etnie e background. Questo impatto potrebbe influire negativamente sul modo in cui l'azienda, i suoi valori e il suo marchio, vengono percepiti dal personale, dai candidati, ma anche da altri stakeholder come i clienti e gli azionisti.

Le cifre parlano chiaro:

  • circa tre quarti (76%) dei lavoratori prenderebbero in considerazione  la possibilità di cercare un nuovo lavoro se scoprissero che nella loro azienda esiste un divario retributivo di genere ingiusto o è priva di una politica di diversità e inclusione (DEI) (76%).
  • Sebbene questa percentuale sia prevalentemente composta da donne, gli uomini non sono da meno, e i dipendenti più giovani sono tra i maggiori sostenitori di politiche del genere.

Riflettori sull' Europa

Retribuzione e benefit:

Il 24% dei lavoratori tedeschi corre regolarmente il rischio di ricevere una retribuzione erronea inferiore a quella prevista.

Per i lavoratori svizzeri, spagnoli e britannici, la percentuale si assesta al 21%.

Inoltre, secondo il 19% dei lavoratori di ciascun Paese, i datori di lavoro britannici e italiani sono quelli che tendono a pagare gli stipendi con maggiore ritardo.

Scarica il report

I lavoratori optano per priorità diverse

In generale, lo studio dimostra che i lavoratori riflettono molto su ciò che desiderano dal lavoro e dalla vita. L'elenco potrebbe includere una retribuzione più elevata, maggiore flessibilità e sostegno, nuove sfide, più riconoscimenti, migliori prospettive e una cultura più equa e inclusiva. I datori di lavoro farebbero bene a non ignorarli. I team delle risorse umane svolgono l'importante ruolo di mediare tra le parti, aiutando ad allineare necessità e aspirazioni per sollevare il morale in un momento storico di cambiamenti radicali continui e di enorme incertezza. Non sarà certo un compito facile, ma i datori di lavoro che riusciranno a portarlo a termine riceveranno in cambio una forza lavoro più stabile, impegnata e produttiva.

Usa la nostra ricerca per promuovere la tua trasformazione aziendale.

Scarica il report